Roberto Gatto racconta la sua esperienza al Fara Music

Roberto, per cominciare parlaci tua esperienza nelle precedenti edizioni del Fara Music?

Per quanto riguarda Fara Music in precedenza ho già avuto un’esperienza live e un’altra in cui ho lavorato nella didattica e anche dal punto di vista concertistico. Questo, dunque, è il secondo anno in cui mi troverò a fare entrambe le cose e visto che nelle passate edizioni è andato tutto e bene, sono molto felice di partecipare ancora una volta con questa doppia veste di concertista e docente.

Quali sono secondo te i punti di forza della didattica all’interno del Fara Music?

Senza dubbio uno dei punti di forza della manifestazione sta nella possibilità di avere un corpo docenti misto, fatto di musicisti italiani ed americani. In questo modo i ragazzi hanno un’ottima occasione per studiare musica attraverso due punti di vista differenti. A questo aggiungo che gli americani dal punto di vista della didattica hanno davvero una marcia in più e possono trasmettere tanto agli studenti. Quello che dico sempre è che se tutte queste realtà fossero esistite quando ero studente a quest’ora saremo certamente in una posizione migliore dal punto di vista dell’apprendimento. Parliamo infatti di occasioni d’oro attraverso le quali gli studenti ricevono il meglio della musica internazionale e nazionale. Insomma, fortunati loro!

L’articolo completo su Jazzagenda…

Roberto Gatto

Dipartimento di Batteria

Annunci

Informazioni su jazzandsabina

About Fara Music Festival: "One of the most anticipated musical events of Central Italy!" (TG3 of July 22, 2010) A small town and great passion so for once we easily use the word “miracle”. (All About Jazz) Fara Music confirms its place at epicenter of Italian jazz festivals with big international guests and the best of Italian jazz. (jazzitalia) The fifth edition of the Fara Music Festival does not disappoint the expectations of thousands of spectators, over fifty thousand in the previous editions that have attended concerts at the center of this town of Sabina. (RAI MUSIC) Fara Music is a markedly international wide-ranging program. (L’Unità) John Scolfield comes back to Italian Festivals. And this time exclusively in Lazio for Fara Music. (Corriera della Sera) Fara, the capitol of jazz. The music festival came alive becoming a reference point for national jazz music. (Il Messaggero) Fara offers super jazz workshops, seminars and a full program of evening concerts. (Il Tempo) The finest international jazz names arrive at Fara Music. (La Repubblica) Fara Sabina cultivates young jazz talents. (Messaggero) The most important event of the Sabina. Thanks to its great artistic merit, Enrico Rava will receive honorary citizenship. (E. Polis) “One of the most looked forward to events of central Italy” (TG3 RAI) The best talents of Fara Music Summer School receive two scholarships for The Collective School of Music in New York. (AndyMagazine) A challenge taken five years ago that has exploded both in the sense of quality and presence of public. (Il Giornale di Rieti) Brings the music outside of the traditional circuits of the large cities into the provinces, with perhaps one of the most charming medieval towns of Lazio as a backdrop, this is The Fara Music Festival. (Jazzagenda) The event in an extraordinary alliance, bringing together the charming atmosphere of a medieval village and the great performing stars of jazz. (International Tourism)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...